15 MARZO 2018 • ALLOS • CANDIDATE EXPERIENCE • EMPLOYEE EXPERIENCE • RECRUITING

Candidate Experience: 5 best practices per costruire quella giusta


5 best practices che ti aiuteranno a costruire la giusta Candidate Experience

Per molti HR manager coinvolgere, motivare e premiare i propri collaboratori è un obiettivo fondamentale e ne conoscono il vantaggio. Per questo molte delle strategie di HR management si focalizzano principalmente su queste tre grandi aree di engagement dei collaboratori. I risultati però non sempre corrispondono all’impegno prestato e spesso gli obiettivi che sono stati raggiunti non restano consolidati nel tempo. Questo significa che, nonostante tutti gli sforzi messi in campo per trattenere i talenti, questi, prima o tardi abbandonano l’azienda. Per questa ragione è importante gestire la candidate experience.
>>>Scopri come avere il tuo progetto di trasformazione digitale HR live in pochi giorni con costi veramente ridotti e più contenuti di valore per le HR >>>

Perché è importante garantire fin da subito un’esperienza di valore ai tuoi candidati?

Una grande visione, senza grandi persone, è irrilevante. Jim Collins #candidateexperience #risorseumane #recruiting Condividi il Tweet

Questa situazione si verifica perché le strategie per coinvolgere i propri collaboratori vengono attuate “ troppo tardi”. Infatti, quando le persone sono già stabilmente parte dell’organico, spesso viene trascurata l’importanza della motivazione e il suo effetto diretto sul miglioramento dell’engagement dei collaboratori. Questi aspetti dovrebbero essere presi in considerazione molto prima, cioè dal momento in cui un potenziale talento pone l’interesse verso l’azienda. Offrire una candidate experience di valore è di fondamentale importanza per stabilire le basi per un coinvolgimento solido nel tempo. Elemento fondamentale per costruire una squadra capace di portare l’azienda al successo.

Ecco 5 best practices che ti aiuteranno a costruire la giusta candidate experience

  • Chiedi e ascolta il feedback dei tuoi candidati

Sollecitare i feedback dei candidati riguardo alla recruiting experience sulla pagina social aziendale è molto importante, qualunque sia il suo giudizio in merito. Perché soltanto attraverso la valutazione dei candidati potrai comprendere che cosa è fondamentale attuare per un processo di selezione a 5 stelle.

  • Application Form

Una delle cause più frequenti che dissuade un candidato ad inviare il proprio cv, è la macchinosità della compilazione on line. Spesso noiosa e ripetitiva, lunga e soprattutto che richiede per forza una registrazione e la successiva ricezione di montagne di news e newsletter. A queste si aggiungono le difficoltà del portale che impiega molto tempo per caricare il cv, che può generare una percezione negativa sugli strumenti tecnologici utilizzati. La presenza di un’app mobile e la possibilità di poter monitorare lo stato della candidatura, oltre a rendere il processo semplice, agile e veloce, ti avvicinano al goal!

  • Dai sempre informazioni sullo status della candidatura

Anche se spesso le candidature ricevute sono tante, fornire informazioni sullo status della candidatura diventa indispensabile. Evita infatti che i candidati sperimentino quel vuoto da assenza di feedback e lo riempiano con un’impressione sfavorevole dell’azienda.

  • Ogni messaggio deve essere personalizzato

Non c’è niente di più fastidioso che ricevere un messaggio standardizzato del tipo “ gentile candidato, ti ringraziamo per il tuo interesse ma…..”, vero? Anche se si tratta di un’esclusione dal processo di selezione, ricevere un messaggio personalizzato almeno col proprio nome, fa percepire al candidato di essere stato comunque considerato e valorizzato nonostante, per quella posizione il suo profilo non fosse in linea.

  • Fornisci sempre un riscontro soprattutto quando il profilo del candidato non è in linea con la ricerca

La ricerca di un lavoro, rappresenta per ciascun candidato un evento di crescita, sia quando si tratta del suo primo impiego che quando si tratta di uno sviluppo di carriera. E’ importante che al termine dell’intero processo di ricerca, almeno per i candidati che abbiamo inserito nella short-list, venga fornito un riscontro. Comunicare le ragioni per cui non ha ottenuto quella posizione, rafforzerà la percezione positiva del nostro brand. Allo stesso tempo lo aiuterà a costruirsi una prima impressione positiva sull’employee experience offerta dalla nostra azienda, nonché ad incoraggiarlo a proseguire nella sua ricerca.
Così come la ricerca di un lavoro, da parte di un candidato, rappresenta un evento importante nel corso del suo sviluppo lavorativo, lo stesso vale per le organizzazioni, da tempo consapevoli, che avere la squadra giusta è determinate per il successo!

>>Scopri come avere il tuo progetto di trasformazione digitale HR live in pochi giorni con costi veramente ridotti e più contenuti di valore per le HR >>>

Photo by Benjamin Davies