29 MARZO 2018 • ALLOS • CHANGE MANAGEMENT • LEARNING • SOFT SKILL

Soft skill digitali: quali sono necessarie per l'azienda?


Soft skill digitali: quali sono necessarie per l’azienda?

Le aziende, oramai da qualche hanno, sono a caccia di soft skill digitali. Le misurano quando desiderano definire il giusto percorso di crescita e sviluppo dei propri collaboratori, perché hanno bisogno di poter contare su persone in grado di utilizzare efficacemente gli strumenti digitali. Le cercano in nuovi talenti quando si accorgono di avere un gap organizzativo da colmare in tempi stretti. Non stiamo parlando di competenze digitali tecniche, ma di soft skill digitali, cioè capacità relazionali e comportamentali specifiche che consentono di padroneggiare ogni tipo di tecnologia.
>>>Scopri come avere il tuo progetto di trasformazione digitale HR live in pochi giorni con costi veramente ridotti e più contenuti di valore per le HR >>>

Quali sono quindi le soft skill digitali indispensabili per l’azienda?

  • Connessione critica alla rete di informazioni

Saper identificare, salvare, organizzare, dare valore e condividere informazioni disponibili online sui social network e nelle comunità virtuali. In rete possiamo trovare una enorme quantità di informazioni, non sempre di qualità e spesso fuorvianti. Tra le soft skill digitali indispensabili troviamo quindi saper navigare. Cercando e filtrando dati, informazioni e contenuti digitali con un occhio vigile e capace di valutarne la consistenza e la veridicità. E’ importante anche saper organizzare e valorizzare i contenuti che poi andranno sviluppati e condivisi.

  • Comunicazione virtuale

La capacità di comunicare e gestire la propria identità in ambienti digitali e di saperla condividere in maniera integrata sui diversi canali digitali e social media. Comunicazione virtuale significa anche saper  gestire e coordinare progetti on line. Così come padroneggiare concetti come personal branding, web reputation e storytelling, ovvero sapersi raccontare adeguatamente nel mondo digitale.

  • Consapevolezza digitale

Saper comprendere l’uso corretto degli strumenti digitali con la dovuta attenzione all’equilibrio tra vita professionale e salute personale. Proteggere i dispositivi e dati personali è indispensabile per tutelare sia la privacy personale che aziendale. La cosapevolezza digitale è essenziale per vivere serenamente il proprio rapporto con la tecnologia, sia che riguardi la vita personale che quella professionale.

  • Creatività digitale

La capacità di saper creare contenuti creativi e innovativi integrando e rielaborando conoscenza pregressa per produrre contenuti in diversi formati digitali. Saper risolvere problemi complessi attraverso un utilizzo consapevole degli strumenti digitali. Ovvero, possedere le conoscenze necessarie per utilizzare gli strumenti digitali necessari alla risoluzione di problemi, cioè essere dei problem solver digitali.
La trasformazione digitale, ha imposto di ripensare ai modelli di business e processi aziendali, la tecnologia è però parte integrante del tessuto connettivo di ogni organizzazione. Per questo le aziende oggi sono più attente alla valorizzazione e allo sviluppo delle soft skill digitali. Perché hanno sempre più bisogno di persone in grado di guidare il cambiamento verso il futuro.
Secondo la Commissione Europea, nel 2020 le competenze digitali saranno necessarie per l’85-90% di tutti i lavori in Europa. Questo significa che le aziende, per restare competitive, hanno una certa urgenza di trovarle.
>>>Scopri come avere il tuo progetto di trasformazione digitale HR live in pochi giorni con costi veramente ridotti e più contenuti di valore per le HR >>>
 
Photo by Ian Baldwin